Archivi autore: Joke

Trail e jogging

Ieri la Padrona di Frimousse e il suo compagno di trail sono andati al Roc des Bœufs, Dicono che sia una bella passeggiata con la neve nella parte alta. Questa mattina mi sono accontentato di una corsa di 5 km su un terreno pianeggante vicino al Lago – ho ancora problemi con le salite, non il respiro ma le ginocchia. Era freddo, ma era bello.

Mi viene spesso chiesto…

Com’era il tempo quando ho fatto il mio piccolo giro di jogging stamattina? Pioveva? In realtà non lo so. Ha importanza? Sono stato assorbito nei miei pensieri, forse. Leggere questo testo di Haruki Murakami, se avete dieci minuti di anticipo.

Mi viene spesso chiesto a che cosa penso quando corro. Di solito la gente che mi chiede questo non ha mai corso lunghe distanze. Indugio sempre su questa domanda.A che cosa penso esattamente quando corro? Non ne ho idea. Nei giorni freddi credo di pensare un po’ a quanto freddo faccia e nei giorni molto caldi al calore. Quando sono triste penso un po’ alla tristezza. Quando sono felice penso un po’ alla felicità. Come ho accennato prima, ho anche ricordi casuali. Occasionalmente, quasi mai a dire il vero, mi viene un’idea da usare per un romanzo. Ma davvero, mentre corro non penso a niente che sia degno di essere menzionato.
Semplicemente corro. Corro in un vuoto. O forse dovrei metterla in un altro modo: corro in modo da acquisire un vuoto. Ma come potreste aspettarvi, ogni tanto un pensiero scivola dentro questo vuoto. La mente non può essere completamente assente. Le emozioni degli esseri umani non sono abbastanza forti e costanti da sostenere il vuoto. Ciò che intendo dire è, che i tipi di pensieri e idee che pervadono le mie emozioni mentre corro rimangono subordinati a quel vuoto. Privi di contenuto, essi sono dei pensieri casuali che si radunano intorno al quel vuoto centrale.
I pensieri che mi raggiungono mentre sto correndo sono come nuvole nel cielo. Nuvole di tutte le dimensioni. Vanno e vengono, mentre il cielo rimane il solito cielo di sempre. Le nuvole sono semplici ospiti nel cielo, che passano e svaniscono, lasciandosi dietro il cielo. Il cielo esiste e non esiste, esso ha sostanza e al tempo stesso non ne ha e noi mestamente accettiamo quella vastità e ne siamo affascinati.


Prima neve

Ieri mattina, la padrona di Frimousse ed io correvamo presso al Lago– correva al suo ritmo e io correvo al mio. Finimmo bagnati. Questa mattina ho fatto jogging per la stessa via. Il cielo era più luminoso e si poté vedere la neve fresca sulla Tournette. Ho finito la corsa poco prima della pioggia.

Venerdì scorso la padrona di Frimousse è andata a Dent des Portes e Crêt du Char con Fabien. Hanno corso veloce in discesa, per finire prima della pioggia. Risultato: mal di cosce per entrambi. Ma la padrona di Frimousse non aveva problemi con le caviglie o il ginocchio.

Bici

Tre anni fa, la padrona di Frimousse decise di comprare una bicicletta. Voleva un manubrio piatto e certamente non un telaio «uomo». È con questa bicicletta che ha pedalato finora, che ha scalato Galibier, Isoard, ecc.

La madre di Steph ha comprato una bicicletta elettrica e ha offerto la sua bici classica alla padrona di Frimousse, per un prezzo molto buono. Si tratta di una bici molto buona. Problema: ha un telaio «uomo» e un manubrio stradale. La padrona di Frimousse ha provato più volte su una strada di campagna vicino al nostro villaggio – con me in auto – ma l’esperienza non è stata convincente. (I mariti sono raramente buoni consiglieri…) Domenica scorsa Fabien le ha proposto di provare la bici sulla pista ciclabile con lui. Dopo un paio d’ore… “Grande! Sto comprando!”

La salute


Sta mattina

Le parlerò della mia salute. Non per autocommiserarmi ( !), ma perché penso che ciò che state per leggere possa essere utile per le vostre conoscenze – posso darvi le origine del mio «trattamento» se lo desiderate.

Poco più di un anno fa, dopo un esame del sangue, la mia medica mi ha detto che soffrivo di iperglicemia – si può chiamare anche un inizio di diabete. Si analizza l’emoglobina glicata e questo dà, per dirla semplicemente, la glicemia selle tre mesi scorsi. Oltre 7, si sta male! Io… 7,5 ! Ho fatto un’analisi ogni tre mesi e oggi 6.1 – la normalità è tra 4 e 6. Che cosa ho fatto? Due cose. Ho smesso completamente di mangiare TUTTI i carboidrati (pane, pasta, riso, patate, lenticchie, frutta, e ovviamente torte, cioccolato, dolce bevande, ecc.). Ma ho mangiato le pesche e le pere del giardino, grande eccezione. E ho provato a camminare e poi correre TUTTI i giorni – 1016 km tra il 1 gennaio e oggi – non ho notato in 2018. Youpi!

1000

Al momento che stavo correndo molto, avevo preso l’abitudine di notare i miei chilometri su un foglio excel – e la Padrona di Frimousse ha sempre continuato a farlo. È un ottimo modo per motivarsi!

All’inizio dell’anno – il 1 º gennaio – quando ho deciso di provare a camminare un po’, ho ripreso questa abitudine. Ho camminato e poi ho cominciato a fare jogging lentemente a metà primavera. E oggi ho raggiunto i simbolici 1000 km, cioè 3,5 km/giorno. È stato difficile durante il caldo di lulio. Ma non è facile passare tutte queste ore a chiacchierare con se stessi…

Photo : Suisse, vignoble de Genève – Cologny – Geneva

Le nove e mezzo


Sono le nove e mezzo. Sono via per una salita di 3 km, per 250m di dislivello. Una strada asfaltata. C’è una scorciatoia su un sentiero ma troppo ripida per me – troppo ripida per me ora perché 15 anni fa… Non molte auto, un paio di giovenche nei prati, nessuno – la gente è a casa perché sta piovendo. Ho preso i miei bastoncini da passeggio per sgranchirmi le ginocchia durante la salita. Non mi arrampico molto velocemente ma una certa sensazione di facilità lo stesso. Probabilmente la pioggia. Mi piace la pioggia, lo ammetto. Infine la fine della strada asfaltata – il mio obiettivo – si avvicina velocemente, con il cancello di alberi davanti me. Un percorso continua sulla montagna. Ci tornerò un giorno? Sta piovendo molto forte. Mi giro per iniziare la discesa, un bastoncino in ogni mano, toccando la strada con i tacchi per salvare le ginocchia – La mia schiena ? Scordatela !

Passo della Forclaz

Dal passo della Forclaz sta mattina

Ieri mattina, la Padrona di Frimousse e Fabien corsero circa dieci chilometri vicino al Lago, ad un ritmo moderato, perché… Questa mattina, partenza da Saint-Jorioz, altitudine 460 metri, per salire al passo Forclaz (1150 metri), in 8 chilometri. È considerato uno dei passaggi più difficili qui. È fatto!

Weekend

Sabato scorso, mentre correvo, Steph mi ha superato. Ha corso 11 km in circa un’ora. Nel frattempo, la Padrona di Frimousse e Fabien salirono il passo du Marais passando per Faverges, scesero su Thônes e poi tornarono a Saint-Jorioz attraverso il passo di Bluffy. La sera abbiamo avuto Elouan, Kerrian e i loro genitori per una raclette. E naturalmente Elouan e Christophe non sono venuti in auto, ma in bicicletta. E non hanno preso il percorso più breve e più facile!

Ieri, la mattina, la Padrona di Frimousse e Fabien hanno fatto una sessione di fartlek, Stamattina ho fatto la mia (solita) 4 km di jogging.