Un anno finisce, un altro comincia

Un anno finisce, un altro comincia. Si tratta solo di una convenzione, non ci sono confini tra gli anni, né tra i mesi. L’anno che finisce ha avuto il suo sacco di cose buone e cattive. Ci auguriamo che l’anno che viene porta più bene che male.

Oggi Christophe, che si è ferito alla coscia correndo la mattina di Natale, ha fatto il giro del Lago del Bourget passando per Rumilly, Val du Fier, la Chautagne, Chanaz, Jongieux, la galleria sotto il Chat, Aix-les-Bains. 91 km. Non ha avuto molto caldo – vedere la foto!

Buon anno a tutti i visitatori, sportivi e meno sportivi.

Quanta acqua in questi giorni!

Quanta acqua in questi giorni! Spruzza dappertutto! La pioggia non mi disturba molto, ma questa mattina ho dovuto, su consiglio della Padrona di Frimousse (1), ritardare la mia passeggiata a questo pomeriggio a causa del vento – raffiche a 80 km secondo Météo-France.

Da qualche giorni il mio ginocchio «proteso» mi annoia. Così ho ricominciato a camminare piuttosto che fare jogging. La padrona di Frimousse ha ancora i suoi problemi di caviglie/piedi/tendine di Achille – tutto è collegato. Lei continua a correre però. Fabien, Il suo osteopata-fisioterapista, con chi corre, dice che finché non soffre mentre corre non è un problema– il nostro medico dice la stessa cosa. Per Fabien, quando corri senti sempre dolore da qualche parte, se non vuoi provare dolore devi solo sederti su una poltrona davanti alla TV. Sono d’accordo con lui.

(1) Oggi lei, dolcetti di Natale…

SaintéLyon

Aspettiamo mezzanotte in una palestra. Ragazzi, aspettavamo l’ora della messa di mezzanotte la sera di Natale. Poco prima dell’ora, ci dirigiamo verso la strada dove è il partito. Alle finestre, uomini, donne, bambini in camicia da notte e cappelli da notte di una volta, con candele. Essi desiderano «buonanotte» ai corridori. Mezzanotte. La partenza è data.

Ho corso due volte la Sainteleyon, nel 1993 e nel 1994. È davvero qualcosa far parte del «serpente luminoso»! Tanti aneddoti! La prima volta, una giovane donna, di fronte a me, è caduta in un’enorme pozzanghera di fango. Sparì! Quando si è rialzata, il fango era su tutto il corpo, dalla cima della testa, come i clown nei circhi! La distanza è indicata ogni cinque chilometri, ma di notte è difficile essere sicuri della distanza percorsa dall’ultimo miglio! Non perdere la strada richiede un’attenzione di ogni momento: ho attraversato una fila di una ventina di corridori che mi hanno chiesto se ero sicuro di essere nella direzione giusta. Immaginate il dubbio che attraversa la mente! Ero nella direzione giusta. La seconda volta ho corso con una cugina. Verso la fine della notte, su una strada discendente, ho dovuto svegliarla per impedirle di saltare la curva e ritrovarsi nel filo spinato! I corridori sono così numerosi che, anche se non si è nei primi quando ci si gira in alcuni luoghi, si scorgono «serpenti luminosi» che disegnano le lampade frontali dei corridori e camminatori dietro.

Credo di aver messo tra le sette e mezza e le otto ore per i 65 chilometri, ma che importa! Dieci anni prima non avrei mai pensato che fosse possibile correre da Saint-Etienne a Lione. E ancora meno di me ne sarei stato capace!

La SainteLyon è un «running raid notturno» tra le città di Saint-Etienne e di Lione. È una corsa a piedi molto popolare, individuale o a squadre di 2, 3 o 4 persone. È anche possibile farlo in escursione. Si effettua in parte su asfalto e su sentieri pedonali. Questa gara si svolge ogni anno il primo fine settimana di dicembre.

Cellular

Questa invenzione permette di contattare qualcuno in caso di difficoltà quando fuori in natura. Permette anche attraverso applicazioni come Glympse di essere seguito da persone di nostra scelta. Permette anche di scattare foto, come quella che ho scattato ieri mattina mentre facevo jogging vicino a Laudon – un torrente che sfocia nel Lago. Oggi, domenica, ha piovuto tutto il giorno e siccome ho un forte dolore alla schiena ho deciso di restare a casa. La padrona di Frimousse ha aspettato tutto il giorno e poco prima delle cinque lei e il suo compagno di corsa usuale hanno deciso una breve corsa nella nebbia e pioviggine – una corsa piccola che finirà di notte è sicuro!

Può una dieta a base di piante…

Corridore vegan: può una dieta a base di piante fornire ciò che è necessario per competere – e vincere?

“Nel 2004, ero l’unica vegana del villaggio, ” dice Fiona Oakes, una maratona multimondiale da record. Ma ora si vedono corridori vegani ovunque.”

Un amante degli animali che ha istituito il proprio santuario degli animali, Fiona Oakes ha iniziato un club di corsa chiamato Vegan Runners nel 2004. L’idea è nata dopo che ha visto il corridore di lunga distanza Paula Radcliffe in TV e ha visto un’opportunità. Oakes era un buon corridore e pensava che, se fosse diventata più veloce, avrebbe potuto finire al fianco di Radcliffe alla linea di partenza della maratona di Londra, sulla televisione nazionale, con le parole “Vegan Runners” impresse sulla sua maglia.

“Era un modo di mostrare la causa, ” dice. “Ero vegan da quando avevo sei anni. Avevo perso la rotula per una malattia quando avevo 17 anni e mi avevano detto che non sarei più scappata. Se potessi fare questo come vegan, ha dimostrato che tutto era possibile.”

Allora era una crociata solitaria, provando a introdurre la gente alla parola“vegan” in un senso positivo. “Piuttosto che causare disturbo e di essere in faccia alla gente, correndo, stavo guidando da esempio e generando interesse in un modo positivo, ” dice.

Ha proseguito per due volte nella top 20 delle principali maratone, con un record personale di due ore e 38 minuti, e ha anche vinto la maratona di pole nord. Oakes’ potente esempio ha visto i Vegan Runners costantemente aumentare il loro numero nel corso degli anni. Ma con l’interesse per la crescita del veganismo, in parte in risposta alla crisi climatica globale, i numeri del club sono cresciuti esponenzialmente negli ultimi tre anni; ci sono quasi 4.000 oggi, con più di 40 gruppi locali in tutto il paese, le loro maglie distintive imperdibili alle corse.

Le attività del club variano in ogni club, ma in genere coinvolgono corse di training settimanali e la partecipazione di gruppo a eventi come gare locale – di solito con una visita a un caffè vegano in seguito.

Comprensibilmente, i membri sono tenuti ad essere vegan non solo nella loro dieta, ma nella loro scelta di abbigliamento. Oakes dice che l’aspettativa è che i membri vivano uno stile di vita completamente vegetale.

Mike Exton di Sheffield si è unito ai Vegan Runners nel mese di giugno. Anche se è vegano, si è unito soprattutto perché le corse di formazione erano locali. “Trovo un po’ difficile essere classificato come un corridore vegan, ” dice. Ma si sente più a suo agio indossando la maglia Vegan Runners ora di quanto avrebbe potuto fare cinque anni fa, come veganismo è diventato meno strano”.

“In molti modi è solo un altro club di corsa, ” dice, “anche se tendiamo a chiacchierare sul cibo, raccomandando le cose per cercare di ottenere consigli sulla nutrizione.”

Lisa Gawthorne si è unita ai Vegan Runners nel 2018. Lei dice che è grande per essere circondato da persone con la stessa mentalità e che il club forma “una comunità di gestione veramente gentile e compassionevole”.

“Penso che sia importante essere con le persone che stanno attraversando cose simili a voi e di condividere esperienze, ” dice. Questo può includere suggerimenti sulla nutrizione o le migliori scarpe da corsa vegan. Tutto aiuta.” La maggior parte delle scarpe da corsa che non usano pelle o pelle scamosciata sono vegane, ma a volte le colle usate nelle scarpe possono essere fatte con prodotti di origine animale. Il sito Vegan Runners’ ha una guida utile a quali marche sono completamente vegan.

Lisa Gawthorne è vegana da 16 anni ed è una corridore internazionale e atleta del Duathlon. Crede che essere vegana l’abbia aiutata ad esibirsi ad un livello così alto. “Migliora il tempo di recupero, è meglio per il sistema digestivo e promuove un sonno migliore, ”dice. “Non ho mai avuto così tanta energia come ho da quando il passaggio da un vegetariano a una dieta vegana.”

Non tutti condividono questa visione. Tim Noakes, uno scienziato sportivo sudafricano famoso per la sua promozione di una dieta ricca di grassi e carne, dice una dieta vegana è “incompleto in tanti modi”. “Nel tempo, un atleta veramente vegan incorrerà in difficoltà a meno che essi sono fonte di ulteriori nutrienti a base animale – come la vitamina B12, ferro, colina e probabilmente proteine di alta qualità – da qualche altra parte,” egli dice.

Dietista Renee McGregor, che lavora con ultra-runners internazionali, dice che mentre è possibile essere vegano e un buon corridore, ha bisogno di un sacco di attenta pianificazione. “Nella mia clinica, molti degli atleti che arrivano con carenza di energia relativa sono diventati vegani, ” dice, aggiungendo che l’elevato apporto di fibre più comuni in una dieta vegana può influenzare l’assorbimento di nutrienti come ferro e calcio, così come spostare l’apporto di energia.

Non ci sono abbastanza studi a lungo termine per mostrare come le diete vegane influiscono sulle prestazioni atletiche, il che ci lascia con un campo di battaglia di prove aneddotiche. Alcuni dei principali corridori di lunga distanza al mondo giurano per la dieta carne-pesante promossa da Noakes, mentre altri sono vegani, guidato dal leggendario ultra-runner Scott Jurek, le cui sette vittorie consecutive nel più competitivo ultra-maratona negli Stati Uniti, the Western States 100-mile, fanno il caso che una dieta vegana non deve essere incompatibile con la corsa.

Per Oakes, dimostrando questo al mondo è ciò che la tira fuori dal letto nelle mattine fredde. “Mi dà una ragione per alzarmi e allenarmi, ” dice. “Per mostrare ciò che è possibile, e per promuovere ciò in cui credo.”

Da The guardian Nov 2019

Notizie

Sabato mattina la Padrona di Frimousse è andata al Semnoz per correre nella neve con il suo compagno di corsa, Fabien. Correvano 10 km. Ieri mattina hanno corso 6 o 7 km di recupero correre vicino al Lago. Mentre correvano al Semnoz ho dovuto accontentarmi di 5,5 km perché… le cose stavano andando male. Fortunatamente, è stato meglio ieri, e sono riuscito a correre 9 km. Sta mattina 7,5 km. Questo è 50km in 7 giorni consecutivi.

La caviglia della Padrona di Frimousse la preoccupa ancora . Secondo Fabien potrebbe essere tendinite cronica. Che cosa dovrebbe fare? Niente. Basta aspettare. Da parte mia, sento dolore ovunque nel mio corpo – vecchiaia – e l’unico momento che mi sento bene è quando corro. Pertanto…

Sta mattina…

Un po’ più di 1200 km dal primo di gennaio… Ma quante miglia ho dovuto guidare per fare jogging – odio quell’espressione. Da diverse settimane vado sistematicamente al Lago, perché è piatto. Lascio l’auto nel centro di Saint-Jorioz e faccio jogging verso il lago. Così facendo, incontro un sacco di giovani che vanno a scuola, la maggior parte sulla bici, con il casco. Incontro anche una giovane madre che porta la sua giovane figlia a scuola, penso all’asilo. E mi fanno un bel sorriso ogni giorno. Ogni giorno, tranne il sabato e la domenica e il giovedì mattina – non vi dico perché non il giovedì mattina, non ha alcun interesse per voi, visitatori del blog. Questa mattina, quando ho visto la bambina e sua madre avvicinarsi, ho avuto l’idea di dire:  “Questi sono i miei sorrisi mattutini!” Ovviamente la madre non capiva quello che dicevo. Ha pronunciato una frase che termina con qualcosa come “ruski” e siccome sono fluente in russo (!) ho capito che era russa. Stavo per chiedere alla bambina di tradurre per sua madre quando disse subito: «Non ti abbiamo visto ieri!» Vedi, quando corriamo, non siamo soli, siamo notati! Ho detto «Ci vediamo lunedì!». Dovrò correre lo stesso percorso allo stesso tempo!

Trail e jogging

Ieri la Padrona di Frimousse e il suo compagno di trail sono andati al Roc des Bœufs, Dicono che sia una bella passeggiata con la neve nella parte alta. Questa mattina mi sono accontentato di una corsa di 5 km su un terreno pianeggante vicino al Lago – ho ancora problemi con le salite, non il respiro ma le ginocchia. Era freddo, ma era bello.